Salviamo l'Amazzonia

Il cuore della Foresta Amazzonica  e gli indigeni Munduruku sono minacciati da dozzine di progetti per la costruzione di  dighe idroelettriche. La foresta che ricopre la valle del fiume Tapajós rischia di essere distrutta. E’ un momento decisivo! Chiedi al Governo Brasiliano di riconoscere agli indigeni Munduruku l'autorità su queste terre e garantire per sempre la loro protezione! Firma la petizione!

1.204.949 Hanno firmato

1.500.000

  • Firmando la petizione riceverai informazioni in linea con le tue preferenze e interessi su questa e altre attività di Greenpeace. Tuteliamo la tua privacy.

  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.

1.204.949 Hanno firmato

Il territorio
dei Munduruku
Il territorio dei Munduruku

L'energia che distrugge non è mai energia pulita

Una centrale idroelettrica potrebbe sembrare una soluzione energetica pulita, ma non è così!

Le aziende come Siemens e General Electric, interessate alla costruzione di grandi complessi idroelettrici, hanno come unico scopo il profitto anche a scapito dell'ambiente e delle persone.

In ecosistemi così fragili, le dighe avrebbero un impatto sociale ed ambientale devastante. Per realizzarle infatti migliaia di chilometri di foresta vergine sarebbero devastati e allagati. La deforestazione e l'allagamento di materia organica produrrebbero emissioni di carbonio e metano che, liberandosi nell'aria, contribuirebbero all'aumento dell’effetto serra.

Villaggi, comunità tradizionali, piante ed animali che dipendono dal fiume sarebbero danneggiati per sempre.

Il Popolo Munduruku

I Munduruku sono un gruppo indigeno di almeno 12.000 persone che da generazioni vive nell'area intorno al fiume Tapajós. Dipendono dal fiume per procurarsi cibo, per spostarsi e per far sopravvivere la loro cultura ancestrale.

Perdere il fiume per loro significherebbe perdere il loro stile di vita, per questo hanno lottato contro la realizzazione della mega-diga São Luiz do Tapajós e, grazie anche al nostro aiuto, sono riusciti a vincere questa battaglia.

Ora i Munduruku hanno lanciato un nuovo appello a tutto il mondo per ricevere sostegno nella loro protesta: vogliono ottenere dal Governo Brasiliano il riconoscimento ufficiale delle loro terre ancestrali e proteggerle per sempre dallo sfruttamento indiscriminato. UNISCITI A LORO!

Ci sono alternative!

Il Brasile è un paese soggetto a frequenti siccità, che mettono costantemente a repentaglio la reale capacità di produzione energetica delle dighe.

L'energia solare e quella eolica rappresentano alternative migliori: ci sono progetti per portare energia solare nelle scuole e nelle piccole comunità, che stanno già rivoluzionando il sistema energetico brasiliano! Aziende come Siemens e General Electric aziende dovrebbero investire su progetti lungimiranti, capaci di portare beneficio alle persone e all'ambiente.